Di Charlotte alla Milanese e abbracci dall’al di là